Quirino: teatro da gustare. Presentata la stagione 2018/19
04-sei-personaggi_michele-placido-2

Michele Placido porta Pirandello al Quirino

Presentata la nuova stagione al Teatro Quirino che ha sempre ricercato un approccio “sensoriale” con i suoi spettatori. Per un teatro da guardare, da toccare ma anche, quest’anno, da “gustare”. Il logo della nuova stagione 2018/2019  è una bocca rosso fuoco che ci ricorda “Bocca di Rosa”  (la canzone cult di Fabrizio De André) e “Gola profonda”, il libro di Linda Lovelace. “Una bocca – dicono i due direttori artistici Geppy Gleijeses e Guglielmo Ferro – aperta, sensuale, divertita, stupita, comunque emozionata. Questa è anche la nostra promessa per gli spettacoli che vedrete: alcuni già collaudati, altri novità. I risultati ce li auguriamo straordinari ma, fortunatamente, il teatro è avvolto dall’alea e dal mistero. E questo è il suo bello”.

Resta anche, in questa stagione, lo stretto collegamento con Napoli, anche per le origini partenopee di Gleijeses. E così vengono in evidenza lavori strettamente connessi a Partenope come “Operazione San Gennaro” di Massimo Ghini, tratto dall’omonimo film di Dino Risi. In evidenza poi Massimo Ranieri che si cimenta ne “Il Gabbiano” di Cechov con la regia di Giancarlo Sepe. Soprattutto, per quanto riguarda la napoletanità c’è da sottolineare la festa di compleanno per i 90 anni di Luciano De Crescenzo con la  messa in scena di “Così parlò Bellavista” (tratta dal romanzo e film più noti di De Crescenzo) con Marisa Laurito, Benedetto Casillo, Nunzia Schiavo, le musiche di Claudio Mattone e la regia di Geppy Gleijeses.

Prosegue l’attenzione per il teatro di Pirandello.  Nella prossima stagione, in 45 giorni, sono programmati tre grandi titoli come “Il Fu Mattia Pascal” (diretto da Gugliemo Ferro), “Sei personaggi in cerca d’autore” (con la regia e l’interpretazione di Michele Placido) e “Il berretto a sonagli” (diretto e interpretato da Sebastiano Lo Monaco)..

Da segnalare anche il debutto teatrale di una gloria del cinema italiano, Pupi Avati, con la trasposizione della pellicola “Il regalo di Natale”.

Tanti attori importanti alla ribalta: in ordine di apparizione Giovanna Ralli, Giuseppe Pambieri, Paola Quattrini, Cochi Ponzoni, Franco Branciaroli, Daniele Pecci, Rosario Coppolino, Michele Placido, Lucia Poli, Milena Vukotic, Marilù Prati, Sebastiano Lo Monaco, Marina Biondi, Massimo Ghini, Geppy Gleijeses, Marisa Laurito, Benedetto Casillo, Veronica Pivetti, Marianella Bargilli, Francesco Bonomo, Maurizio Donadoni, Ralph Palka, Gianluca Ramazzotti, Emanuele Salce, Silvia Siravo, Ornella Muti, Enrico Guarneri, Massimo Ranieri, Anna Galiena, Debora Caprioglio, Paola Pitagora, Gigio Alberti, Filippo Dini, Giovanni Esposito, Valerio Santoro, Gennaro Di Biase e tanti altri. Registi di grande rilievo: Patrick Rossi Gastaldi, Franco Però, Guglielmo Ferro, Michele Placido, Geppy Gleijeses, Sebastiano Lo Monaco, Massimo Ghini, Emanuele Gamba, Julien Sibre e Virginia Acqua, Giancarlo Sepe, Marcello Cotugno.

Brunella Brienza

 

 

About