Finale di partita: debutto nazionale all’Eliseo con Glauco Mauri
glauco-mauri-roberto-sturno-in-prova-finale-di-partita-foto-manuela-giusto_8801

TEATRO ELISEO
dal 26 settembre al 15 ottobre 2017
Debutto nazionale

FINALE DI PARTITA
di Samuel Beckett

con
Glauco Mauri
Roberto Sturno
Elisa Di Eusanio
Mauro Mandolini

regia
Andrea Baracco

A Roma al Teatro Eliseo debutto nazionale per “Finale di Partita” di Samuel Beckett, con la regia di Andrea Baracco e con due grandi protagonisti: Glauco Mauri e Roberto Sturno.

La rappresentazione è ambientata in una stanza-rifugio post-atomico, nuda, senza mobili, dove la luce penetra grigiastra, dove, come in una pseudopartita a scacchi, si muovono i suoi personaggi: Hamm, cieco e su una sedia a rotelle, i suoi genitori Nagg e Nell, senza gambe e chiusi in due contenitori per la spazzatura, e il suo servitore Clov, che non può sedersi mai. Hamm e Clov per sopravvivere hanno bisogno l’uno dell’altro: solo Clov può dar da mangiare ad Ham, e solo Ham possiede le chiavi della dispensa. “Personaggi – come dice il regista – che restano fermi, uno la condanna dell’altro”.

Nel testo si vede la condizione umana segnata dalla sofferenza e dall’assurdità dell’essere, ci sono limiti alla libertà individuale, solitudine: un teatro di personaggi, che si fissano nella memoria, vivi e palpitanti.

“Ho sempre considerato Beckett  - afferma Glauco Mauri – non uno scrittore del teatro dell’assurdo ma un grande poeta della difficoltà del vivere dell’uomo”.

Cl. Cos.

About